Un inizio...notturno



Tra grembiulini e fiocchi, voti in condotta e prossima sparizione di giudizi, ecco che si ricomincia con un nuovo anno scolastico.
Per la verità, quest'anno abbiamo potuto "godere" di un prologo agostano: gli esami di recupero (o come diavolo si dice).
Sospensione di giudizio a giugno, prove negli ultimi giorni di agosto, et voilà.
Studenti surgelati come sofficini Findus, poi dissurgelati in questi giorni (e vista la calura, non ci si stupisce...)
Cronaca di scrutinio agostano. Sabato pomeriggio, ore 15.15. Mi presento puntuale in tenuta ancora estiva (abbronzatura, cavigliera etc). Ma si, concediamocelo, tanto tra una settimana...
Nel cortile alcuni colleghi stazionano tra l'annoiato e il furibondo. Ritardo colossale, pare... Mi accordo con la collega che ha lo scrutinio prima di me e me ne torno a casa, cellulare acceso, in attesa..
Sabato sera, ore 21. La notte è già scesa sulla città quando il telefono squilla. per fortuna ho mangiato qualcosa.Mi rivesto, ormai esausta, e riparto (per la terza volta, a dirla tutta, perchè nel pomeriggio ho fatto una puntatina per sistemare alcuni documenti). Che emozione, lo scrutinio notturno!
L'emozione scema leggermente quando, all'ingresso, un autentico stormo di zanzare killer mi assale. In sala professori c'è un Autan quasi del tutto consumato, per la bisogna. Subito un paio di bestiacce mi pungono in zone indicibili. Scappo in bagno a cospargermi le terga - per così dire- del provvidenziale spray,ed eccomi pronta agli scrutini, che per fortuna sono abbastanza veloci, senza grossi problemi. Gli alunni sono stati scongelati, io sono del tutto sciolta (ci sono ancora trenta gradi).
E per restare in tema, dopo lo scrutinio, mi vado a mangiare un gelato, per rilassarmi un po'...




Commenti

PAOLO ha detto…
...aspetto i commenti del baz su questo nuovo intervento...
nel frattempo commento io: sei un mito!!! paul
marialetizia ha detto…
I miti, come chiunque abbia studiato greco sa, sono roba di più di duemila anni or sono.. Perciò,okkio a darmi del mito, che sull'età sono sensibile ... ;-)